Indietro nel tempo all'origine dell'uomo

Stanza della Preistoria
  • 2
  • Guarda la mappa
Stanza della Preistoria

In questa stanza d’autore l’artista Diego Bocelli ha rappresentato una tipica scena di caccia. Utilizzando varie tonalità di colore per suggerire le cromie tipiche del paesaggio circostante, l’artista si è ispirato alle antiche pitture rupestri, realizzate dall’uomo preistorico all’interno delle caverne. Si tratta per noi di un invito a vivere la natura con uno spirito primordiale e autentico, libero da qualsiasi sovrastruttura contemporanea. Su questa linea di filosofia gli arredi sono stati realizzati a mano utilizzando materiali di recupero prelevati direttamente dalla nostra tenuta, per dar vita ad affascinanti pezzi unici. L’intonaco è stato creato utilizzando la terra raccolta nei campi, da dove sono state prelevate anche le pietre che fanno da pavimento.

Situata al piano terra con una bella vista sui boschi del Parco di Poggio Neri, la stanza è composta da un comodo letto matrimoniale in legno di castagno.
Il bagno presenta una doccia in cristallo e sanitari che richiamano le cromie della pietra serena. Tra le curiosità una “venerina”, una piccola scultura realizzata in pietra di fiume dall’artista autore dei graffiti.

Altre informazioni

  • Tipologia: Deluxe
  • Numero ospiti: 2
  • Casale: La Casa degli Artisti
  • Tv: no
  • Wi fi: no
  • Aria Condizionata: si
  • Cassaforte: si
  • Frigobar: si
  • Riscaldamento centralizzato: si
  • Asciugacapelli: si
  • Parcheggio: a cielo aperto, non custodito
  • Set di cortesia: all’arrivo
  • Animali: non ammessi
  • Bagno privato: si
Richiedi informazioni

Per qualsiasi dubbio o informazione aggiuntiva non esitare a scriverci, ti ricontatteremo al più presto.

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell’art. 13 D.Lgs 196/2003, l’Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.

“Allontanarsi dalla routine frenetica del quotidiano, tornare alla Natura e godere di un relax autentico, non artefatto: è questo il soggiorno che abbiamo in serbo per te.”